Hai un’azienda con un contatore con potenza uguale o maggiore a 15kW?

Lo sai che hai diritto ad ottenere il tuo credito di imposta sulla spesa delle tue bollette di energia elettrica e gas?

OTTIENI ADESSO IL TUO CREDITO DI IMPOSTA SULLE FATTURE DI ENERGIA ELETTRICA E GAS SUL SECONDO TRIMESTRE 2022

Leggi con attenzione le informazioni contenute in questa pagina  perchè possono valere per te centinaia se non migliaia di euro

Probabilmente non sai esattamente di cosa si parla o forse, per te è complicatissimo fare i conteggi e non sai a chi affidarti. Bene continua a leggere perché presto troverai la soluzione.

     Ciao, mi chiamo Francesco Cristiano e da oltre dieci anni opero in questo settore, quello dell’energia elettrica e gas.

In questi anni ne ho viste davvero di cotte e di crude, ma quest’ultimo periodo ha battuto di gran lunga tutti gli altri!

     Sicuramente questo periodo sta mettendo a dura prova le imprese italiane su un argomento così caldo come quello delle “bollette” di energia elettrica e gas.

     

Quello che però forse non sai, è che il governo ha messo a disposizione per le aziende con contatore uguale o superiore a 15kW di potenza impegnata (16,5kW di potenza disponibile) dei crediti di imposta per pagare tasse, IVA e contributi.

Ci sono alcune regole che stanno dietro il calcolo e l’ottenimento di questi crediti ma non ti voglio annoiare.

Ciò che devi sapere è che questi crediti vengono dati a quelle aziende che nel primo trimestre 2022 avevano una media di prezzo dell’energia superiore del 30% alla media del prezzo dell’energia del primo trimestre 2019.

Bene, moltissime aziende hanno avuto un incremento di oltre il 300%.

T – R – E – C – E – N – T – O – P – E – R – C – E – N – T – O ! ! !

Quindi, purtroppo, se prima pagavi 100, probabilmente adesso stai pagando 200, 300 o addirittura 500.

Bene, in questo caso puoi ottenere dei crediti dallo Stato.

E questi crediti sono pari alla spesa sostenuta nel secondo trimestre 2022, sulla spesa della materia energia e gas con le seguenti percentuali:
15% sulla spesa sostenuta per l’energia elettrica
25% sulla spesa sostenuta per il gas naturale

Questi crediti potranno essere utilizzati solo ed esclusivamente fino al 31/12/2022.

ATTENZIONE, decreti successivi al primo hanno già confermato anche il credito di imposta sul terzo trimestre 2022 e probabilmente anche su una parte del quarto trimestre 2022!

     Al momento però, come puoi immaginare, dovrai richiedere solo i crediti per il secondo trimestre. A tempo debito richiederemo anche quelli dei trimestri successivi!

     Che sia chiaro, questo NON risolverà la questione caro bollette, ma potrà dare una mano su alcune spese che magari, per pagare le bollette, avresti avuto difficoltà a sostenere.

Attenzione, dunque, perché hai la possibilità di chiedere il tuo credito di imposta se:
– Hai le caratteristiche tecniche richieste (contatore 16,5kW, aumento del 30% tra 2019 e 2022)
– Anche se hai un’azienda aperta dopo il 2019
– Anche se hai un contatore aperto dopo il 2019
– Anche su tutte le utenze che sono presenti all’interno della stessa partita IVA, anche se inferiori a 16,5kW (basta che solo un’utenza sia uguale o maggiore di 16,5kW)

Insomma, questi sono solo alcuni dei casi in cui si può chiedere il credito di imposta.

     Per questo motivo oggi voglio offrirti la mia consulenza su questi calcoli in modo che tu possa mettere le mani sui tuoi soldi già da questo secondo trimestre!

Con una spesa minima (poche decine di euro) potrò, con la mia squadra effettuare per te i calcoli.

     Una volta effettuati daremo tutto al tuo commercialista che trasformerà il report con il valore del credito di imposta calcolato, in un vero e proprio credito all’interno del tuo cassetto fiscale!

     Dunque, cosa aspetti, la lista di persone che mi stanno richiedendo questi calcoli sta aumentando, giorno dopo giorno.

Ricorda che tali crediti potranno essere utilizzati per pagare tasse, IVA e contributi per la tua azienda,

ma anche essere ceduti a terzi, seondo regole ben precise

     Una volta effettuati i calcoli li comuncheremo al tuo commercialista che inserira i crediti nel tuo Cassetto Fiscale e li potrai usare alla prima occasione.  

Ecco cosa riceverai Affidantoti a Bollette Protette®:

Istruzioni dettagliate con le varie tipologie di situazioni (fornitore diverso, potenze diverse, più fornitori…)

IL calcolo per il credito per tutte le tue utenze

Un report del lavoro svolto

Aggiornamenti su nuove modifiche al decreto

Supporto dal nostro staff

Grazie a questo servizio riuscirai ad ottenere indietro (una volta effettuati i conteggi)

ciò che ti spetta, senza buttare via una vera e propria opportunità!

Ecco le risposte ad alcune domande e casisitiche nelle quali potresti ritrovarti: 

SE LA MIA AZIENDA È STATA COSTITUITA DOPO IL 1° TRIMESTRE 2019?

Nel caso la tua azienda fosse stata costituita dopo il primo trimestre 2019, una circolare dell’Agenzia delle Entrate dà comunque accesso al calcolo per il credito d’imposta, attraverso un importo forfettario per il 1° trimestre 2019 con cui effettuare i conteggi, pari a 0,06926€/kWh.
Non è quindi un problema ed è possibile effettuare i calcoli e richiedere i crediti di imposta!

SE AVEVO UN FORNITORE DIVERSO DA QUELLO ATTUALE NEL 2019?

Se per caso avevi un fornitore diverso nel 2019, basterà recuperare le bollette da entrambi i fornitori ed effetueremo il calcolo lavorando su entrambe le bollette.

SE IL MIO CONTATORE NEL 2019 AVEVA UNA POTENZA INFERIORE A 16,5kW?

Nel caso nel 1° trimestre 2019 il tuo contatore aveva una potenza inferiore a 16,5kW, cosa che ha adesso (o superiore!) se la spesa supera il 30% si ha comunque diritto al credito.

Infatti nei calcoli non influisce tale dato.

SE HO DIVERSI CONTATORI MA SOLO 1 DI QUESTI È PARI O SUPERIORE A 16,5KW?

Nella circolare anche questa situazione viene considerata ed è molto chiara, infatti se hai diversi contatori ma anche solo uno tra questi rientra nella soglia di potenza richiesta, questo farà da “trainante” e potrai sommare la spesa di tutte le utenze e ottenere il beneficio fiscale (dopo il calcolo) per tutte le utenze. Unico requisito: devono essere tutti sotto la stessa Partita Iva.

Compila il form qui sotto e metti le mani sui TUOI crediti di imposta.

Hai un’azienda con un contatore con potenza uguale o maggiore a 15kW?

Lo sai che hai diritto ad ottenere il tuo credito di imposta sulla spesa delle tue bollette di energia elettrica e gas?

OTTIENI ADESSOIL TUO CREDITO DI IMPOSTA SULLE FATTURE DI ENERGIA ELETTRICA E GAS SUL SECONDO TRIMESTRE 2022

Leggi con attenzione le informazioni contenute in questa pagina  perchè possono valere per te centinaia se non migliaia di euro

Probabilmente non sai esattamente di cosa si parla o forse, per te è complicatissimo fare i conteggi e non sai a chi affidarti. Bene, continua a leggere perché presto troverai la soluzione.

     Ciao, mi chiamo Francesco Cristiano e da oltre dieci anni opero in questo settore, quello dell’energia elettrica e gas.

     In questi anni ne ho viste davvero di cotte e di crude, ma quest’ultimo periodo ha battuto di gran lunga tutti gli altri!

     Sicuramente questo periodo sta mettendo a dura prova le imprese italiane su un argomento così caldo come quello delle “bollette” di energia elettrica e gas.     

        Quello che però forse non sai, è che il governo ha messo a disposizione per le aziende con contatore uguale o superiore a 15kW di potenza impegnata (16,5kW di potenza disponibile) dei crediti di imposta per pagare tasse, IVA e contributi.

     Ci sono alcune regole che stanno dietro il calcolo e l’ottenimento di questi crediti ma non ti voglio annoiare.

     Ciò che devi sapere è che questi crediti vengono dati a quelle aziende che nel primo trimestre 2022 avevano una media di prezzo dell’energia superiore del 30% alla media del prezzo dell’energia del primo trimestre 2019.

Bene, moltissime aziende hanno avuto un incremento di oltre il 300%.

T – R – E – C – E – N – T – O

P – E – R – C – E – N – T – O ! ! !

     Quindi, purtroppo, se prima pagavi 100, probabilmente adesso stai pagando 200, 300 o addirittura 500.

     Bene, in questo caso puoi ottenere dei crediti dallo Stato.

     E questi crediti sono pari alla spesa sostenuta nel secondo trimestre 2022, sulla spesa della materia energia e gas con le seguenti percentuali:
     – 15% sulla spesa sostenuta per l’energia elettrica
     – 25% sulla spesa sostenuta per il gas naturale

Questi crediti potranno essere utilizzati solo ed esclusivamente fino al 31/12/2022.

ATTENZIONE, decreti successivi al primo hanno già confermato anche il credito di imposta sul terzo trimestre 2022 e probabilmente anche su una parte del quarto trimestre 2022!

     Al momento però, come puoi immaginare, dovrai richiedere solo i crediti per il secondo trimestre. A tempo debito richiederemo anche quelli dei trimestri successivi!

     Che sia chiaro, questo NON risolverà la questione caro bollette, ma potrà dare una mano su alcune spese che magari, per pagare le bollette, avresti avuto difficoltà a sostenere.

     Attenzione, dunque, perché hai la possibilità di chiedere il tuo credito di imposta se:
     – Hai le caratteristiche tecniche richieste (contatore 16,5kW, aumento del 30% tra 2019 e 2022)
     – Anche se hai un’azienda aperta dopo il 2019
     – Anche se hai un contatore aperto dopo il 2019
     – Anche su tutte le utenze che sono presenti all’interno della stessa partita IVA, anche se inferiori a 16,5kW (basta che solo un’utenza sia uguale o maggiore di 16,5kW)

     Insomma, questi sono solo alcuni dei casi in cui si può chiedere il credito di imposta.

     Per questo motivo oggi voglio offrirti la mia consulenza su questi calcoli in modo che tu possa mettere le mani sui tuoi soldi già da questo secondo trimestre!

     Con una spesa minima (poche decine di euro) potrò, con la mia squadra effettuare per te i calcoli.

     Una volta effettuati daremo tutto al tuo commercialista che trasformerà il report con il valore del credito di imposta calcolato, in un vero e proprio credito all’interno del tuo cassetto fiscale!

     Dunque, cosa aspetti, la lista di persone che mi stanno richiedendo questi calcoli sta aumentando, giorno dopo giorno.

Ricorda che tali crediti potranno essere utilizzati per pagare tasse, IVA e contributi per la tua azienda, ma anche essere ceduti a terzi, seondo regole ben precise

     Una volta effettuati i calcoli li comuncheremo al tuo commercialista che inserira i crediti nel tuo Cassetto Fiscale e li potrai usare alla prima occasione.  

Ecco cosa riceverai Affidantoti a Bollette Protette®:

Istruzioni dettagliate con le varie tipologie di situazioni (fornitore diverso, potenze diverse, più fornitori…)

IL calcolo per il credito per tutte le tue utenze

Un report del lavoro svolto

Aggiornamenti su nuove modifiche al decreto

Supporto dal nostro staff

Grazie a questo servizio riuscirai ad ottenere indietro (una volta effettuati i conteggi) ciò che ti spetta, senza buttare via una vera e propria opportunità!

Ecco le risposte ad alcune domande e casisitiche nelle quali potresti ritrovarti: 

SE LA MIA AZIENDA È STATA COSTITUITA DOPO IL 1° TRIMESTRE 2019?

Nel caso la tua azienda fosse stata costituita dopo il primo trimestre 2019, una circolare dell’Agenzia delle Entrate dà comunque accesso al calcolo per il credito d’imposta, attraverso un importo forfettario per il 1° trimestre 2019 con cui effettuare i conteggi, pari a 0,06926€/kWh.
Non è quindi un problema ed è possibile effettuare i calcoli e richiedere i crediti di imposta!

SE AVEVO UN FORNITORE DIVERSO DA QUELLO ATTUALE NEL 2019?

Se per caso avevi un fornitore diverso nel 2019, basterà recuperare le bollette da entrambi i fornitori ed effetueremo il calcolo lavorando su entrambe le bollette.

SE IL MIO CONTATORE NEL 2019 AVEVA UNA POTENZA INFERIORE A 16,5kW?

Nel caso nel 1° trimestre 2019 il tuo contatore aveva una potenza inferiore a 16,5kW, cosa che ha adesso (o superiore!) se la spesa supera il 30% si ha comunque diritto al credito.

Infatti nei calcoli non influisce tale dato.

SE HO DIVERSI CONTATORI MA SOLO 1 DI QUESTI È PARI O SUPERIORE A 16,5KW?

Nella circolare anche questa situazione viene considerata ed è molto chiara, infatti se hai diversi contatori ma anche solo uno tra questi rientra nella soglia di potenza richiesta, questo farà da “trainante” e potrai sommare la spesa di tutte le utenze e ottenere il beneficio fiscale (dopo il calcolo) per tutte le utenze. Unico requisito: devono essere tutti sotto la stessa Partita Iva.

Compila il form qui sotto e metti le mani sui TUOI crediti di imposta.

Decreto Bollette è un servizio offerto da Bollette Protette® che è un marchio dato in concessione a Gruppo BS SRL | P. IVA 12240580014 | Sede Legale: Via Amaretti 1/C – 10046 – Poirino (TO) | E-MAIL.: info@bolletteprotette.it

Cookie PolicyPrivacy Policy